eroica2016

L’Eroica, una corsa nel tempo

Tra gli scenari unici della campagna Toscana, la dove le secolari strade bianche uniscono borghi dall’antico respiro medievale, si svolge ogni anno l’Eroica, una tre le più famose cicloturistiche amatoriali.

All’alba di ogni prima domenica di ottobre le strade che attraversano il Chianti e le principali località di produzione vitivinicola come Montalcino sono letteralmente prese d’assalto da ciclisti provenienti da ogni parte del mondo.

La tradizione ed il sapore storico della manifestazione impone l’utilizzo di bici e di abbigliamenti risalenti e che riportano alla mente le sfide di un ciclismo che fu di Fausto Coppi e Gino Bartali.

I vari percorsi che caratterizzano l’evento prevedono soste e rifornimenti presso luoghi e paesi dove sono serviti piatti e rifocillamenti tradizionali, familiari ed in piena sintonia con lo spirito rievocativo de l’Eroica.

Poche ore dopo la partenza è già ora di uno spuntino e di una rapida colazione per ritemprare il corpo e fornire alle gambe l’energia necessaria per alimentare l’impresa. Ecco allora che nell’abitato di Radi, ad esempio, si può trovare un piccolo ma organizzato bivacco in cui poter recuperare dalle prime fatiche assaporando sottili fette di pane su cui è spalmato del miele o della marmellata o su cui, ancora, è versato del vino rosso di produzione locale.

Dopo il primo rifornimento, il tragitto degli “eroici” attraversa i lunghi filari di vigneti e di cipressi che caratterizzano il paesaggio delle colline senesi fino a giungere, per l’ora di pranzo, presso alcuni borghi, come quello di Asciano, in cui è possibile tuffarsi appieno nell’antica tradizione culinaria toscana per assaggiare i tipici piatti poveri preparati con verdure e pane raffermo come la ribollita o la minestra di pane.

Le fatiche di una giornata destinata a rimanere indelebile nei cuori dei partecipanti che, con i loro mezzi ed indumenti, sembrano provenire da un passato, solo apparentemente, distante nel tempo si conclude con l’arrivo di Gaiole in Chianti dove ad attenderli, oltre ad una imponente massa di curiosi ed appassionati, ci sono le ultime delizie e prelibatezze della zona. Gli sforzi, infatti, sono finiti e i cicloamatori possono finalmente godersi appieno anche le bontà dei salumi, dei formaggi e dei vini che, da sempre, sono amati ed apprezzati per il loro gusto e la loro qualità pluricertificata.

I nostri consigli non sono sponsorizzati, quello che proponiamo è frutto del lavoro del team di Appetitoso che ogni giorno elabora e combina decine di sorgenti di informazione per offrirti il meglio. Siamo “la persona del posto” che sa sempre cosa consigliarti!

Tutti questi contenuti e molto altro ancora lo puoi trovare sulla nostra app, il primo vero motore di ricerca per il cibo.

TI É PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? ISCRIVITI AL BLOG PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATO

Commenti

Commenti inseriti